Surrealissima

Surrealissima

Il poeta e il contadino fu una trasmissione di rottura. Due cabarettisti milanesi, Cochi e Renato, bucarono il video con una comicità che oggi si definisce demenziale, all’epoca era detta surreale, e tra qualche anno sarà definitivamente incomprensibile. Già allora la maggioranza degli spettatori non la capiva: troppo diversa dalle gag dei comici tradizionali, troppo lontana dalle barzellette di un Bramieri o Walter Chiari.
In realtà anche Chiari col suo Sarchiapone sconfinava nel non sense. Per non parlare di Tognazzi che, intervistato da Vianello su cosa facesse una volta abbattuto un albero, rispondeva “Uno stuzzicadente”!
Poi venne Renzo Arbore con L’altra domenica, trasmissione demenzialconcorrenziale alla Domenica in dei vari Corradi e Pippi Baudi. Così, mentre sul Primo canale il pomeriggio domenicale veniva anestetizzato da ospiti, balletti, telefilm, intrattenitori, sul Secondo canale un medico che assomigliava a un fachiro (Andy Luotto) stregava tutti con la parola uvi (uova), oppure un architetto coi capelli gonfi (Mario Marenco) sciorinava assurdità, mentre un trio di travestiti cantava e ballava (Le Sorelle Bandiera).
Perfino i giochi a premi venivano presi in giro.

E c’era stato anche Paolo Villaggio, che prima di fossilizzarsi in Fracchiozzi, maltrattava il pubblico sotto le mentite spoglie di un prestigiatore domatore, Otto Kranz tedesco di Germania.
Poi sono arrivati gli anni ottanta e hanno distrutto tutto. I fagioli della Carrà, le stupidaggini del Drive in, le Morti in diretta e le Vite senza senso di simil giornalisti e quasi soubrette hanno dato ragione a Pasolini (televisione=lobotomizzazione) e uno specchio all’italiano medio dove riflettersi senza vedersi.
Oggi Gaber e Jannacci sono morti, Villaggio è un signore imbolsito e Renato un Jabba de at che non sa più dove e come si trova.

 

Pier Giuseppe Cavalli

10603278_309230999262195_1464152077524482874_n (1)

operazione_sottoveste

Pier Giuseppe Cavalli Operazione sottoveste (olio su tela 30 x 30 – 2008)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pillole PoP - © 2017