Gli alieni siamo noi

Gli alieni siamo noi

Nel telefilm inglese Ufo i modellini di astronave parevano quelle dei Thunderbirds, però facevano impressione. Specie gli Ufo veri e propri, delle trottole metalliche che vorticavano sonagliando.Gli astronauti a difesa della Terra si lanciavano dentro tunnel da Luna park che li portavano direttamente dentro l’Intercettore, un caccia spaziale a vaga forma di elicottero che aveva solo un colpo da sparare. Come un’ape.
Intercettore sbaglia, ufo passa. E allora erano guai. In un episodio di questi, gli alieni presidiano una foresta in cui non si muove una mosca. Niente cinguettii, niente latrati: gli ufo son sbarcati.
In Spazio 1999 gli alieni siamo diventati noi. Nel senso che la Luna, uscita dall’orbita terrestre per un’esplosione di scorie nucleari, si è portata appresso uomini e suppellettili come un baldacchino sul cammello.
Luna passa, scorie restano.
Novella arca di Noè, la base lunare Alpha viaggia in lungo e in largo approdando su pianeti abitati e non che tutto si aspettavano fuorché di vedersi piombare addosso un taxi formato corpo celeste.
Gli alieni siamo noi.
Lo dice Fredric Brown nel suo famoso Sentinella, dove in prima persona parla un soldato che fronteggia schifosi alieni con due gambe e due braccia.
Lo dicono gli acari aspirati dai nostri Folletto.
Lo dicono i folletti e gli gnomi di Giacomo Leopardi (Operette morali), che litigano su una Terra dove l’uomo si è finalmente auto estinto.
E lo dicono i leopardi i dodo e i panda.
Insieme all’uomo di Neanderthal.

Pier Giuseppe Cavalli

10603278_309230999262195_1464152077524482874_n (1)

917FkRI-xXL._SL1500_

Animali e uomini sono in competizione per l’appartenenza al genere dominante in un mondo ormai oltre le frontiere dell’evoluzione organica e tecnologica…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pillole PoP - © 2017