D’ora in poi sugo e polpette

D’ora in poi sugo e polpette

Su Topolino c’erano in media sei storie distribuite in 162-170 pagine. Malgrado il nome erano i paperi a imperare. Rarissimo che la maggioranza delle storie riguardassero Topolino, Pippo, Minnie, Orazio o Clarabella. Più frequenti le performance di Paperino, Zio Paperone, Qui Quo Qua e compagnia bella.Paperi 1 Resto degli animali 0.
Le storie più appassionanti erano quelle avventurose, quando Zio Paperone passava a prendere i nipoti a bordo di macchine improbabili inventate da Archimede (che tra l’altro è un’aquila) per partire alla volta di giungle selvagge, deserti infuocati, abissi sottomarini e anche altri pianeti.
Di solito per cercare un tesoro.
Paperino si rifiutava? Paperone minacciava di diseredarlo o gli prometteva compensi che regolarmente venivano disattesi.
Se l’impresa finiva male si mangiava il cappello. E se la colpa era di Paperino, lo zio gli dava la caccia con la colubrina.
Pennuto caccia pennuto.
Si sa che l’universo Disney è piuttosto strambo. Un cane da riporto ci sarebbe (Pluto), ma abita con un topo (Topolino), che tra l’altro ha un altro cane come compagno d’avventure (Pippo). Il quale cane poi all’occorrenza può diventare un super cane se mangia noccioline. Sia detto en passant, Topolino è anche amico di un cavallo (Orazio), che a sua volta se la intende con una mucca (Clarabella).
Per fortuna il suo più acerrimo nemico è un gattone (Gambadilegno), che però a volte non disdegna di far comunella con dei cani (la Banda Bassotti).
Orwell disse di essersi ispirato alla Rivoluzione russa per la sua Fattoria degli animali, ma è probabile si riferisse ai personaggi di Walt Disney, che a sua volta non aveva scrupoli nel saccheggiare i tesori della cultura per costruire le sue storie. Pare che, dopo l’insuccesso di Fantasia, ardito esperimento di musica classica trasposta in immagini, il creatore dei suddetti paperi e topi abbia proferito: “Basta caviale, d’ora in poi sugo e polpette”.

Pier Giuseppe Cavalli

10603278_309230999262195_1464152077524482874_n (1)

Forme in acqua dolce – olio su tela 20×20 – 2014 di Pier Giuseppe Cavalli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pillole PoP - © 2017