La strana coppia

La strana coppia

Se Zagor non è del tutto un Don Chisciotte, Cico invece è Sancio dalla testa ai piedi, soprattutto la panza. Gran parte dei guai che passa sono dovuti alla ricerca ossessiva di cibo. Come capitava ai pitocchi spagnoli nelle storie picaresche del Seicento.Del resto anche la prima pagina del romanzo di Cervantes è dedicata alla descrizione dei vestiti (logori) e della dieta. 
Il cibo come ossessione.
A parte che per Zagor, che da eroe cavalleresco si cura solo di faccende spirituali. E difatti il suo nickname è proprio Spirito con la scure.
Dunque mentre l’eroe di Darkwood e dintorni affronta pericoli con la P maiuscola (Hellingen, Molok, Magic bat, gli indiani e i soldati cattivi, i vichinghi, i maya), il piccolo messicano se la deve vedere con osti taccagni e furbi indiani, trapper malfidenti e mercanti smaliziati per strappar loro un cosciotto.
E tutto perché Zagor lo tiene a stecchetto.
Del resto con il popò di strada che fanno a piedi un po’ di calorie in più non guasterebbe. Cico infatti non ha neanche il conforto di un asino come il sosia spagnolo, perché per quel maniaco del suo compagno spostarsi contando solo sulle proprie gambe è un punto d’onore.
Al massimo qualche liana gridando. Come Tarzan.
Però Cico è più puro dello scudiero di Don Chisciotte, perché mentre Sancio segue il padrone perché questi gli ha promesso un’isola, un’isola nel bel mezzo della Mancia!, Cico lo fa disinteressatamente.
È lui il nobile dei due, con tanto di nome lungo come uno scioglilingua.
Pure i vestiti segnano la differenza. Cico veste come un damerino, mentre Zagor porta come una canotta da selvaggio.
Un’eminenza grigia con tendenze vegetariane. Un egoista che mena mazzate con la sua scure da cavernicolo e che
vince sempre, proprio come il cavaliere della Mancia non vince mai.
Irruenza americana mitigata da buon senso messicano.
Follia cavalleresca temperata da buon senso contadino.
Come tante coppie del mito, da Enkidu e Gilgamesh a Vianello e Tognazzi.
Passando per Franco e Ciccio.

Pier Giuseppe Cavalli

10603278_309230999262195_1464152077524482874_n (1)

Imbarcazioni sull’Orinoco – olio su tela 70×50 – 2016 – Pier Giuseppe Cavalli

 

La strana coppia

  1. Pingback: Pillole PoP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pillole PoP - © 2017